Il Nichii-Kyokai

Profilo storico

Il 1868 segna convenzionalmente l’ingresso del Giappone nell’era moderna e con la seconda metà del XIX secolo, si assiste anche alla nascita dei primi rapporti con l’Italia.

Già nel 1888, infatti, si ha la fondazione dell’Igaku kyōkai 伊学協会 (Associazione di Studi sull’Italia) per volontà di Alessandro Paternostro (1852-1899), consigliere giuridico in Giappone dal 1888 al 1892. Nel 1937, inoltre, è costituito il Nichii gakkai 日伊学会 (Associazione Giapponese per gli studi sull’Italia) la cui fusione con la già citata Associazione di Studi sull’Italia nel 1940 porterà alla nascita del Nichii kyōkai 日伊協会, l’Associzione italo-giapponese di Tōkyō.

Sciolta nel 1946, alla fine della Seconda Guerra Mondiale, l’Associazione italo-giapponese di Tōkyō interruppe le proprie attività per circa quattro anni, fino a riprenderle nel 1950, per poi divenire, nel 1956, un ente pubblico senza fini di lucro sotto l’egida del Ministero degli Affari Esteri e della Pubblica Istruzione.

Nell’arco di settant’anni l’Associazione ha contribuito attivamente allo sviluppo della reciproca comprensione e amicizia tra Giappone e Italia grazie all’opera di diffusione in primo luogo della lingua italiana, ma anche di arte, cultura e società, favorendo scambi di natura sia intellettuale sia economica.

Nel dicembre del 2010, in seguito alle modifiche alla legge sugli enti pubblici, l’Associazione ha superato l’esame della commissione governativa e ottenuto il riconoscimento a ente pubblico senza fine di lucro secondo la più recente normativa.

Finalità

L’Associazione italo-giapponese si propone di promuovere la reciproca conoscenza e amicizia tra Giappone e Italia grazie all’instaurarsi di un proficuo scambio scientifico e umano nei campi della cultura, delle arti, dell’economia, dell’industria, dell’educazione, ecc.

Attività

Diffusione e promozione della lingua italiana

 a) Corsi di lingua italiana

Costituiscono l’attività cardine dell’Associazione dal 1954 offrendo una vasta gamma che spazia da corsi per principianti a specifici training per specialisti come quello di traduzione simultanea, unico nel suo genere. I corsi si avvalgono dell’integrazione tra le specifiche competenze di docenti italiani e giapponesi e utilizzano materiali didattici concepiti per un pubblico di discenti giapponesi.

Ai corsi curricolari di lingua si affiancano corsi tematici che si prefiggono di offrire un approfondimento culturale nei campi di letteratura, arte, cinema, ecc. e di integrare la didattica dell’italiano con materiali originali.

 b) Viaggi di studio in Italia

Grazie alla collaborazione con circa 20 scuole di lingua diffuse in tutta Italia, l’Associazione, con l’ausilio di uno specialista del settore, offre un servizio di consulenza gratuita per tutti coloro che vogliono compiere un periodo di studio all’estero per migliorare le proprie competenze linguistiche. Per chi ne fa richiesta, è offerto, a pagamento, un servizio di mediazione con la scuola prescelta per facilitare l’espletamento delle varie pratiche burocratiche.

 c) Speech contest

Lo speech contest di italiano promosso in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura di Tōkyō è giunto nel 2011 alla sua ventunesima edizione. I partecipanti sono giudicati da un’apposita commissione di esperti che designa, in seguito, i vincitori. Per tutti quelli che in Giappone si dedicano allo studio dell’italiano, l’annuale speech contest rappresenta un ambito traguardo e fornisce un’occasione per migliorare le rispettive competenze linguistiche.

Diffusione e scambio culturale tra Giappone e Italia

 a) Conferenze e simposi di studio a tema

Periodicamente l’Associazione ospita conferenze e simposi a tema. Nel 2010, in occasione del settantesimo anniversario della sua fondazione, l’Associazione ha ospitato un simposio sullo sviluppo dei rapporti bilaterali tra Giappone e Italia cui hanno preso parte rappresentanti delle Istituzioni italiane in Giappone, in primis l’Ambasciata italiana di Tōkyō, ed esperti del settore dei due Paesi.

b) Seminari e conferenze sulla cultura italiana

Ogni anno si tengono i “seminari culturali” a cura di personalità del mondo accademico e specialisti in vari campi quali storia, cultura, società ed economia.

In collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura di Tōkyō sono organizzati cicli di conferenze a tema e oltre trenta incontri conviviali con diversi oratori.

Sono circa 1.500 le persone che partecipano a questa serie di iniziative.

c) Corso estivo intensivo di lingua giapponese

Nell’intenzione di intensificare il proprio contribuito allo scambio culturale tra Italia e Giappone, a partire dal 2010, si organizza un corso estivo intensivo di lingua e cultura giapponese rivolto a studenti di lingua giapponese presso un’università italiana. (per dettagli si rimanda alla voce “Il corso estivo intensivo”)

d) Collezione libraria

Il patrimonio librario dell’Associazione ammonta a circa 2.000 volumi sull’Italia disponibili per la consultazione presso la Sala Ishikawa o concessi in prestito ai soci.

大きな地図で見る